Da quando so chiudere gi occhi
riesco a sentire
il rumore dei passi accelerati
che nella loro corsa
tutte le donne che sono stata
fanno per raggiungermi
Come grovigli 
nelle scelte fatte
si nascondono
desideri piegati con cura
come quello del primo soffio di vento
sull’altalena bambina
volare
Da quando ho imparato
ad aprire le mani 
i colori sono
impronte delle mie dita
nel dappertutto del ovunque
su chiunque
Semino fiori
Da quando mi giunse la parola
dalle mie labbra scaturisce il miele
da donare
da bere
E non c’é mai stato un sogno infranto
da quando 
l’ho cullato sul mio petto
allattato con il mio seno
protetto sin dal grembo
Posso dunque

oltrepassare
ogni velo di vissuto
lluminare l’iride dell’anima
senza ombre né dubbi
danzare l’amare
nell’immensitá dell’assoluto
Sará allora
il tramonto
un bacio tra la luce e l’avvenire

©hebemunoz2017

Immagine by Daniela Costanza Lintas
“Sentimento antico”
Tecnica mista su cartone telato 33×48
Anno 2016

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: