Se un giorno parlo di uccelli
di luci, di viaggi, è perché sono stato giovane.
Se altre, di sete, di sussulti, dispiaceri, è perché sono vissuto in un paese lontano.
Se dico colibrì, caracas, cumaná, carora, maracay, è perché sono tornato nel mio paese e tutte le delizie fanno nido dentro di me e sono luminoso, felice, con un sole segreto in mezzo al petto che illumina di notte.
Se faccio silenzio, se passo i giorni, 
i mesi, le stagioni, senza dire nulla
è perché non esisto
Vapore o foschia o polverone
che il vento cancellò da una manata
—————————————-
Poesia di Salvador Terneiro Díaz
Traduzione in italiano: Hebe Munoz. 

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: